Home

[Spagna, Mc Donald’s e il lavoro precario, su Panorma del 17 di gennaio].

“Quei posti di lavoro sono pane per oggi e fame per domani”. Con questo proverbio spagnolo Mayte Uceda, portavoce nel settore alberghiero del maggior sindacato iberico, Comisiones Obreras, qualifica la campagna pubblicitaria di McDonald’s in Italia. La Spagna è oggi il Paese dell’ Unione Europea con i peggiori dati sull’ occupazione, con 6 milioni di persone (il 26% della popolazione) senza lavoro. Una situazione di cui “le grandi aziende approfittano per pagare il meno possibile il costo del lavoro”, assicura Uceda.

Il suo sindacato cercò di far valere questa rivendicazione quando si oppose all’ accordo tra il governo regionale di Madrid e il magnate del gioco d’azzardo Sheldon Adelson, proprietario di Las Vegas Sand, alla costruzione della città del lusso europea, “Eurovegas”, prevista per la fine del 2013. “Anche in questo caso – ricorda Uceda- ciò che ha convinto le autorità a cedere i terreni e a rinunciare ai diritti sindacali dei futuri dipendenti sono state le migliaia di posti di lavoro promesse da Adelson”. Parole magiche in una nazione con un tasso di disoccupazione giovanile del 57%. Ma a che prezzo? “Precarietà e assenza di diritti”, spiega Uceda. In molti casi infatti la scelta è tra rinunciare al proprio impiego e vederlo ridotto ad un pacchetto di poche settimanali. “E purtroppo si deve continuare a pagare il mutuo o la vita dei figli: per questo si accettano sempre più contratti precari”, aggiunge Uceda.

Nel caso di McDonald’s in Spagna, dallo stesso sindacato denunciano l’opacità e la mancanza di dati sulle condizioni di lavoro nella compagnia: “essendo un franchising, ogni ristorante risulta come un ente giuridico singolo, anche se con la stessa marca commerciale”, ci spiega Luis, uno dei pochi rappresentanti sindacali presenti nell’azienda. Così se il pagliaccio Ronald gestisce tutto, dall’ abbigliamento ad ogni singola promozione, le condizioni di lavoro sono lasciate nelle mani del responsabile del ristorante. E McDonald’s, denunciano i sindacati, finge di non vedere gli abusi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...