Home

[Articolo pubblicato per l’ ANSA il 13 giugno del 2012]

Gli effetti della crisi economica pesano sempre di più sui cittadini spagnoli. L’alto indice di disoccupazione è solo la parte più visibile della situazione di un Paese in cui alle famiglie inizia a mancare la liquidità. I pagamenti non vengono portati a termine e sono molti (159 casi ogni giorno) quelli che perdono una casa comprata negli anni di abbondanza grazie ad un’ipoteca troppo facile. Mentre un milione di persone si trovano con i conti prosciugati per aver investito, a loro insaputa, in “prodotti finanziari ad alto rischio”. E, nella capitale, la polizia riscontra il preoccupante aumento dei piccoli furti. I furti per fame.

Secondo i dati pubblicati dal Consiglio Economico e Sociale spagnolo, una famiglia su quattro vive ai margini della soglia di povertà. Le prime conseguenze sono proprio sui pagamenti come mutui e ipoteche, segnala l’Istituto Nazionale di Statistica. Rispetto al 2011, sono aumentate dell’8,9% le famiglie e le piccole aziende ormai non più in grado di rimborsare un prestito. Ha lanciato l’allarme la Piattaforma degli Oppressi dalle Ipoteche (Plataforma de Afectados por las Hipotecas, PAH).

Organizzazione nata in Catalogna quattro anni fa, si oppone con forza agli sfratti. Nell’82% dei casi, indica la PAH e riportano i media nazionali, si tratta di famiglie con figli a carico e senza una residenza alternativa. Mentre si evita di pensare al “corralito” che si impose in Argentina nel 2001 (l’impossibilità di ritirare soldi dai conti in dollari, ndr), quasi un milione di persone ha i propri risparmi bloccati in banche spagnole. Il 95% di loro ha più di 60 anni, secondo l’Associazione di Utenti di Banche, Cajas e Assicurazioni (AIDCAE). Il loro errore fu di comprare le “participaciones preferentes”, i titoli obbligazionari emessi sopratutto dalle casse ma senza garanzia di liquidità e che soprattutto non pagano interessi se la banca non registra utili. E’ un “prodotto finanziario complesso ad alto rischio”, come recita il prospetto che dal 2009 viene consegnato a chi ci investe i propri risparmi. Ed è un prodotto che, con la crisi, le banche non riescono a rivendere. Lo stesso ministro dell’Economia, Luis de Guindos, ha riconosciuto che “non si sarebbero mai dovuto proporre questi titoli ai piccoli risparmiatori”. Ma è a pochi passi da Las Cortes, il Parlamento, per le strade di Madrid, che inizia a farsi largo lo spettro della fame. Anche se mancano ancora dati ufficiali, sia i rappresentanti del Governo a Madrid sia quelli della Polizia Nazionale hanno pochi dubbi: “da quando è in corso la crisi, dobbiamo mobilitare più agenti per controllare i piccoli furti, quelli per fame, soprattutto nei supermercati”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...